Noci, la città dei tre campanili e delle gnostre.

Noci, la città dei tre campanili e delle gnostre,  rurale ma elegante, ricca ma ancora genuina, città dell’enogastronomia e dell’aria sana (in un tempo ormai passato, la gente veniva invitata a trascorrere le sue vacanze a Noci proprio per l’aria salutare ) si trova in una posizione strategica per visitare la Valle D’Itria. E’ da qui che parte il mio tour in bicicletta alla scoperta della Valle D’Itria , senza piantine, applicazioni ed altro ma solo con la mia macchina fotografica e la voglia di pedalare tra terra e mare.

Arrivando a Noci
Noci , la città dei tre campanili e delle nostre, è definita così in quanto , arrivando, sia che si venga dal mar Ionio che dal mare Adriatico, si vedono prima i tre campanili e poi il resto della città. Una volta, uno storico cittadino nocese mi fece notare che, da ogni direzione che si arriva a Noci, c’è una chiesa ad accogliere il forestiero. Questa cosa mi ha sempre fatto sorridere…come se ogni chiesa volesse dare una specie di benedizione , un benvenuto per chi arriva a Noci.
Il centro storico di Noci invece, è un susseguirsi di angoli nascosti e di gnostre (da chiostro, dal latino claustrum, luogo chiuso) . Mi soffermo a guardarle cercando di rivedere la vita di una volta dove la maggior parte del tempo si trascorreva fuori tra lavori domestici e chiacchiere e dove, probabilmente, la condivisione era un concetto molto forte. Chissà se un giorno, anche solo per gioco, si potesse rivivere questa vita più povera materialmente ma molto più ricca internamente, quanti valori ritornerebbero a galla….

Pedalo per il centro soffermandomi tra chiesette e costruzioni di calce e pietra, viuzze strette e piante ornamentali che danno il benvenuto, vecchiette sedute fuori che raccontano del tempo ormai passato, si incontrano i lavori di una volta, le devozioni, piccoli rituali ancora in uso……tra le vie del centro storico di Noci ti imbatti anche in questo: magnifiche realtà ormai quasi dimenticate….

Piccoli rituali della tradizione religiosa. #weareinpuglia #noci #centrostorico #puglia

A post shared by Puglia & Co (@pugliaeco) on

 

Imbocco la strada per Fasano e raggiungo pedalando tra campi seminati e masserie (dimenticavo…Noci è famosa per le sue masserie…tutte rigorosamente da visitare e, naturalmente, da fotografare – ma sarà un nuovo racconto quelle delle masserie e delle loro storie-leggende…), la Chiesa di Barsento.

 

E’ una Chiesa così ben conservata e cosi ben integrata nella campagna, spesso è anche il luogo magico dove dichiarare il proprio amore, infatti sono molte le richieste che ogni anno giungono alla parrocchia di Noci per poter celebrare il matrimonio nella Chiesa di Barsento, ma soprattutto  è meta di molti solitari viaggiatori che, in compagnia del silenzio che la circonda , si soffermano ad ammirare il panorama retrostante: il Canale di Pirro!

Riparto dalla chiesetta, abbandono Noci, i suoi tre campanili e le gnostre e mi lancio in discesa verso nuovi orizzonti.

Tags:
SpainFrenchEnglish